Campania

L’Italia è terra di contrasti, ed ogni regione italiana li ripete dentro il suo limite: non solamente la Campania cambia stile tra un luogo e l’altro, ma contrastante è la fascia costiera. È classica la zona costiera a nord di Napoli, con Cuma, Baia e il Capo Miseno; così la zona a sud di Napoli sotto il Vesuvio; un paesaggio dolce e leggero, dove tutto sembra disciolto nei miti e nella storia romani e greci. La costa che va da Sorrento a Salerno, e ha come centro Amalfi, è invece medievale, romantica, monasteriale. (Guido Piovene)

La Campania (AFI: /kamˈpanja/) è una regione italiana a statuto ordinario dell’Italia meridionale di 5.604.789 abitanti. È la regione più popolosa e più densamente popolata del Mezzogiorno; a livello nazionale è terza per numero di abitanti (dopo la Lombardia e il Lazio), e seconda per densità di popolazione, preceduta soltanto dalla Lombardia. Ha una superficie di 13670,95 km². È situata tra il mar Tirreno a sud-ovest e l’Appennino meridionale a nord-est. La regione confina a nord-ovest con il Lazio, a nord con il Molise, a nord-est con la Puglia e a est con la Basilicata. Oltre al capoluogo di regione Napoli, le città capoluogo di provincia sono Avellino, Benevento, Caserta e Salerno. Lungo le coste della Campania sono presenti quattro golfi: il golfo di Gaeta, il golfo di Napoli, il golfo di Salerno e il golfo di Policastro. L’entroterra era abitato già agli inizi del I millennio a.C. da sanniti, osci e volsci. Dall’VIII secolo a.C. si svilupparono lungo la costa diversi insediamenti di popolazioni di civiltà greca dai quali ebbero origine le colonie magnogreche di Pithecusa, Cuma, Parthenope, Neapolis e Poseidonia. L’area costituì anche l’estremo limite meridionale dell’espansione etrusca. L’interno rimase invece abitato dalle stirpi dei sanniti. Nella seconda metà del IV secolo a.C., con le guerre sannitiche la regione fu posta sotto l’influenza di Roma, che la ribattezzò Campania felix in riferimento alla sua prosperità, benché il territorio della Campania antica corrispondesse solo in parte a quello della regione moderna. Con il tramonto della civiltà romana si disgregò anche l’unità politica della regione, che dal VI secolo finì in gran parte sotto l’influenza longobarda e in misura minore sotto quella bizantina. Nel XII secolo, con l’ascesa della dinastia normanna, la regione trovò unità politica sotto la corona del Regno di Sicilia (con l’eccezione della città di Benevento che fu invece assoggettata allo Stato della Chiesa). Dal XIII secolo al XIX, con il susseguirsi delle dinastie angioine, aragonesi e borboniche, il regno di Napoli, e in particolare la capitale e la sua corte, divennero uno dei principali poli culturali, artistici ed economici d’Europa. Attualmente la regione, con il resto del Mezzogiorno, è in una situazione di persistente difficoltà di sviluppo socio-economico rispetto al nord del Paese, nota come questione meridionale. Con 10 riconoscimenti, la Campania è la prima regione italiana per siti ed elementi iscritti nelle liste dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO: il Riconoscimento per la Dieta Mediterranea, l’Arte dei “Pizzaiuoli” Napoletani, le Macchine a spalla di Nola, il Centro storico di Napoli, la Reggia di Caserta, il Complesso monumentale di Santa Sofia, Pompei con Ercolano e Oplonti, la Costiera Amalfitana, il Parco Nazionale del Cilento con Paestum, Velia e la Certosa di Padula, e la Transumanza. In Campania si trovano 5 dei primi 20 siti statali più visitati nel 2020 secondo il Ministero dei Beni e delle Attività culturali.

Un po di storia

Origini del nome

Il toponimo Campania non è di certa etimologia. Esso deriverebbe, secondo alcuni, dal termine latino campus, che vuol dire campagna, e, per commistione linguistica, dal termine osco Kampanom, con il quale si indicava l’area nei pressi della città di Capua antica, per secoli centro principale della Pianura Campana. Non essendo gli studi al riguardo giunti a conclusioni univoche altri studiosi sostengono che la derivazione trovi invece coincidenza con il significato di “campagna”, come farebbe presupporre la nota espressione “Campania felix”. In questo secondo senso si sottolinea che il sostantivo latino “campus” ha appunto il significato di “pianura, campagna aperta”, che indicherebbe, unitamente al clima favorevole altrettanto noto, la particolare fertilità ed amenità dell’area.

Dalle origini all’Impero romano

Il popolamento umano della Campania, e in particolare delle aree interne appenniniche, è attestato fin dal Paleolitico medio, ossia fin dall’epoca dell’uomo di Neandertal; a quel periodo risalgono infatti le selci lavorate e scheggiate a patina bionda che si emergono in gran numero e in più punti[25] dell’altopiano di Camporeale (presso Ariano Irpino) e di altri territori limitrofi, mentre il vicino insediamento neolitico de La Starza costituisce il più antico insediamento stabile della regione. Nel I millennio a.C. è attestata la presenza di popolazioni di ceppo indoeuropeo quali gli Osci (o Opici), gli Aurunci, gli Ausoni, i Sidicini e i Sanniti; i quali parlavano la lingua osca (una lingua indo-europea del gruppo italico) e risiedevano nelle aree interne e montuose, mentre l’Agro campano era occupato dagli Etruschi e la fascia costiera fu soggetta alla colonizzazione greca. Il principale centro etrusco fu Capua, mentre i primi insediamenti greci portarono alla nascita di centri come Pithecusa (Ischia), Kyme (Cuma), Parthenope prima e Neapolis poi (Napoli), Dikaiarcheia (Pozzuoli), Poseidonia (Paestum), Elea (Ascea), Pixunte (Policastro Bussentino), quest’ultime tre, però si trovavano nell’antica regione della Lucania. La Campania divenne così uno dei centri culturali più importanti della Magna Grecia, la quale in seguito eserciterà un’influenza decisiva sulla società romana e poi sull’intera civiltà occidentale. Lo stesso alfabeto latino, con buona probabilità, deriva dall’alfabeto greco calcidese di Cuma.

La prima delle colonie greche in Campania e nell’intero Mediterraneo occidentale fu l’isola di Ischia (già sede di insediamenti punico-cartaginesi a partire dal X secolo a.C.), dove agli inizi dell’VIII secolo a.C. un élite tecnico culturale proveniente da Calcide di Eubea si insediò priva di armi e con il consenso dei Cartaginesi nella baia di Lacco Ameno, luogo ben noto ai Cartaginesi, in funzione osservativa delle abilità tecnologiche delle comunità etrusche nel lavorare il ferro dell’Elba. Il primo stanziamento, detto dai greci Pithecusa, ebbe carattere misti tra la cultura greca e quella cartaginese e precedette temporalmente anche quelli di Naxos e Megara Hyblaea nella Sicilia meridionale (in realtà, il geografo Strabone, nonché l’attento studio del mito della Sirena Partenope e degli altri fatti storici riconducibili a quel periodo, hanno fornito buone tesi a proposito di un antecedente insediamento Rodio posto nell’isolotto di Megaride. Esso, riconducibile al IX secolo a.C., costituirebbe il primo nucleo delle futura Napoli). In seguito ai buoni rapporti intessuti da questa avanguardia, tra cui va ricordato il passaggio dell’alfabeto greco agli etruschi, avvenne lo stanziamento di coloni che dapprima interessò l’isola di Ischia e poi si allargò in terraferma ad un’area limitata e di marginale interesse per la preesistente civiltà etrusco-sannita ed in particolare nel napoletano. Dapprima essi si insediarono a Cuma (il punto della terraferma più vicino a Lacco Ameno) e poi si insediarono a Dicearchia (Pozzuoli), Parthenope e poi presso la definitiva Nea Polis (ovvero la Napoli attuale), nella quale fu realizzato un impianto urbanistico a scacchiera costituito da plateiai e stenopoi, divenuti poi nell’epoca romana l’area dei decumani di Napoli. È interessante inoltre notare come la popolosa e densa città metropolitana di Napoli occupi uno spazio decisamente esiguo nella complessiva superficie regionale. L’insediamento greco avvenne infatti solo lungo le coste, mentre la parte interna era abitata dagli etruschi che diedero vita ad una lega di dodici municipi con a capo Capua, Nuceria, Nola, Acerra, Suessula. Già da tempo i Sanniti, che provenivano dalle montagne, si erano insiedati lungo la costa campana, instaurano contatti commerciali con i Greci ed Etruschi; a questo punto i Sanniti si divisero in due “fazioni” una agglomerata lungo la costa che aveva familiarizzato con le altre popolazioni, l’altra che continuava a vivere in montagna isolandosi dalle altre culture e vedendo malamente l’altra fazione; infatti nel 343 a.C. la ricca città Campana di Capua aveva chiesto aiuto ai romani contro i Sanniti, che praticavano atti di guerriglia, però i Romani non riuscirono a debellare i Sanniti, ma in cambio si allearono con Capua. Si alimentò, di nuovo, la coalizione antiromana chiamata “Lega Latina” cui i romani facevano parte, ma che a causa di “litigi” ne uscirono non senza lottare; quindi dopo circa 150 dalla sua formazione, la lega latina venne sciolta (nel 341 a.C., quando finì la prima guerra sannitica) a causa dell’intromissione negli affari romani nella Campania; le città che restarono fedeli a Roma vennero premiate con la cittadinanza romana. Anche Napoli chiese l’alleanza ai romani solo per ottenere la cittadinanza, però in questo caso il senato non consultò il parere del popolo e i Sanniti ritornarono all’azione scatenando la seconda guerra sannitica (326-304 a.C.) riuscendo a sconfiggere i romani presso Caudium, nella provincia di Benevento, nella battaglia che prese il nome di “Forche Caudine”. A causa di questa pesante sconfitta i romani rimodellarono l’esercito per poter confrontarsi contro i sanniti che vivevano sulle montagne. Nella terza guerra sannitica (298-290 a.C.) i romani si videro contro i Galli, gli Etruschi, i Sanniti e altre genti italiche, che riuscirono a sconfiggere nella battaglia di Sentino (295 a.C.)m nelle Marche; e nel 290 a.C. contro gli Etruschi quando Manio Curio Dentato li costrinse alla pace. 290 a.C. . Durante la seconda guerra punica, solo poche città si allearono ai Cartaginesi, la più importante fu Capua, che fu riconquistata nel 211 a.C., mentre la maggior parte della regione restò fedele a Roma. Amministrativamente fece parte della Regio I Campania che si trasformò poi, ai tempi di Diocleziano, nella Provincia Campaniae; entrambe le giurisdizioni si estendevano all’attuale Lazio meridionale, ma non comprendevano le aree del Cilento e Vallo di Diano (legate alla Lucania) né tantomeno l’estremo entroterra irpino (aggregato all’Apulia et Calabria). Durante il periodo romano, molti potenti costruirono lungo la costa le proprie ville estive. Anche dal punto di vista economico ci fu uno straordinario sviluppo dell’agricoltura e del commercio, la regione era infatti da sempre una delle zone più ricche del mondo classico e romano e ciò gli valse l’appellativo di Campania Felix. A Napoli, presso l’attuale castel dell’Ovo, morì dopo il 511 l’imperatore Romolo Augusto, la cui precedente deposizione nel 476 aveva decretato la caduta dell’Impero romano d’Occidente.

Dai Longobardi al vicereame spagnolo

A partire dal V secolo d.C. la Campania perse progressivamente la sua unità poiché piccole parti del suo territorio andarono a Bisanzio e tutto il resto ai principi longobardi. Sul finire del V secolo d.C., infatti, i Longobardi scesero in Italia arrivando fino in Campania e ivi costituendo il ducato di Benevento. Con la caduta di Pavia il ducato di Benevento divenne principato fino ad essere annesso, verso l’XI secolo, al possedimento del pontefice (denominato per questo dagli storici il balcone del Papa sul Sud Italia). Da Benevento erano stati staccati i principati di Salerno e Capua, i quali non entrarono a far parte dello Stato della Chiesa. Il ducato di Napoli cadde in mano bizantina nel 536, ma ben presto tale territorio si ribellò alle autorità centrali, divenendo un vero e proprio Stato autonomo. Affrancandosi dal governo bizantino sorsero analoghe entità statuali indipendenti a Gaeta, a Sorrento e ad Amalfi, rappresentando in diverse occasioni un efficace argine all’espansione saracena nei territori del Sud e del Centro Italia. Significative in tal senso le “leghe campane” costituitesi tra tali quattro ducati nell’849 e nel 915, quando furono combattute vittoriosamente la battaglia di Ostia e la battaglia del Garigliano. Nell’anno 1022 i Normanni acquisirono la contea di Ariano, quindi (nel 1030) il feudo di Aversa, ceduto da uno degli ultimi duchi di Napoli: tali episodi storici provocarono l’ascesa della potente dinastia normanna. Nel giro di un secolo, a partire da quegli avamposti, furono in grado di unificare e sottomettere politicamente buona parte dei territori del Mezzogiorno d’Italia. La Campania venne compresa nel Regno di Sicilia, e affidata ai rispettivi sovrani (Altavilla, Hohenstaufen, Angioini e Aragonesi). Con i Vespri siciliani, ci fu l’inizio della guerra dei novant’anni. Il Regno di Sicilia si divise e alla dinastia angioina rimase il Sud Italia continentale che divenne quindi Regno di Napoli. Seguì poi la dinastia aragonese, sotto il cui regno Napoli divenne uno dei più importanti centri del Rinascimento e dell’Umanesimo. Alfonso V d’Aragona, riuscì a ricostituire momentaneamente l’unificazione dei due Regni. Napoli sotto questo sovrano divenne una vera e propria capitale del Mediterraneo. Con Carlo V il Regno di Napoli divenne un viceregno della Spagna, con capitale Napoli. La politica dei sovrani spagnoli, non di rado fu incentrata su una gravosa pressione fiscale dovuta alle molte guerre del tempo in cui era coinvolta la Spagna; il viceregno napoletano era infatti uno dei principali fornitori di denaro e uomini per la causa spagnola: ciò a volte scatenò rivolte da parte delle classi più povere.

La famiglia dei Borbone ed il Regno delle Due Sicilie

Dopo la guerra di successione polacca e la parentesi austriaca, la Campania passò al regno dei Borbone di Napoli. Il primo re fu Carlo di Borbone, noto per aver attuato molte riforme sia economiche che legislative, con cui Napoli sottolineò il suo status di grande capitale europea. Inoltre, durante il suo regno, con lo scopo di dare una degna sede di rappresentanza al suo reame, fu costruita la reggia di Caserta, opera di Luigi Vanvitelli terminata nel 1845 e definita l’ultima grande realizzazione del barocco italiano. Nel contesto della campagna napoleonica in Italia e delle repubbliche giacobine, nel 1799 fu proclamata a Napoli la Repubblica Partenopea che, tra problemi finanziari e focolai insurrezionali, ebbe però vita breve, venendo sconfitta dal cosiddetto esercito sanfedista, cui seguì una repressione feroce con numerose condanne a morte. In seguito, dopo tale brevissima ma intensa esperienza, Napoleone Bonaparte nominò Re di Napoli prima suo fratello Giuseppe e poi suo cognato Gioacchino Murat che abolì definitivamente il feudo. Dopo l’età napoleonica il Congresso di Vienna riaffidò il Regno di Napoli ai Borbone che lo riuniranno al Regno di Sicilia dando vita al Regno delle Due Sicilie, con Palermo capitale (l’anno successivo spostata a Napoli). Durante il Regno delle due Sicilie, in Campania si ottennero primati e innovazioni storiche: il maggior complesso industriale metalmeccanico d’Italia (Pietrarsa, diventato poi museo) con oltre mille addetti e famoso anche in Europa, la maggior industria navalmeccanica d’Italia (a Napoli e Castellammare di Stabia; quest’ultimo primo in Italia per grandezza con 1.800 operai), la prima nave a vapore dell’Europa continentale (la Ferdinando I), la prima nave da guerra a vapore d’Italia (la pirofregata Ercole), la prima nave a propulsione ad elica (la Giglio delle Onde), la prima nave munita di macchina a vapore costruita interamente in Italia (la Ettore Fieramosca), la prima nave militare ad elica ed in metallo (la Borbone), il primo esperimento di illuminazione elettrica in una città italiana (a Capodimonte), i primi ponti sospesi d’Italia (il Ponte Real Ferdinando sul Garigliano e il Ponte Maria Cristina), il primo albergo per i poveri (il Real Albergo dei Poveri), la prima ferrovia e le prime stazioni in Italia (1839, linea Napoli-Portici), il primo teatro lirico d’Europa (il San Carlo), il primo sistema di fari lenticolari in Italia, il primo osservatorio sismologico al mondo (l’Osservatorio Vesuviano), i primi conservatori musicali, diverse scuole di “Arti e mestieri”, il primo sistema pensionistico d’Italia (con la Legge sulle Giubilazioni e Pensioni del 3 maggio 1816) ed il primo statuto socialista del mondo (seterie di San Leucio). Nonostante ciò, il regno rimaneva una monarchia assoluta e la Campania fu coinvolta nei moti liberali del 1820, che si manifestarono nella rivolta capitanata dal generale Guglielmo Pepe: intimorito, il re Ferdinando elargì dapprima una Costituzione, per poi ritirarla e reprimere l’opposizione chiedendo l’aiuto militare austriaco. Ciò si ripeté nei moti del 1848 quando, dopo l’ennesima insurrezione, Ferdinando II concesse una carta costituzionale; dopo pochi mesi però il sovrano la revocò sciogliendo le camere e ripristinando l’assolutismo. Inoltre la regione fu colpita, come il resto d’Europa, da epidemie di colera che falcidiarono la popolazione del regno nel 1835-37 e nel 1854-55; in molti luoghi scoppiarono tumulti che in vari casi sfociarono in vere e proprie sommosse.

Dall’unità d’Italia al fascismo

Anche la Campania fu poi coinvolta nelle rivolte liberali e nei moti per l’Unità d’Italia, finché nel 1861 la regione venne conquistata ed annessa al nascente Regno d’Italia. Anche a causa delle nuove politiche nazionali post-unitarie nel campo economico e della gestione dei beni pubblici, la Campania, come il resto d’Italia, visse il problema dell’emigrazione. Ciò contribuì a incrementare il brigantaggio che, nato in Basilicata, si diffuse nel resto del Meridione e fu duramente represso dall’esercito italiano. A fine XIX secolo, Napoli fu oggetto di una profonda trasformazione urbanistica con la demolizione di numerosi fabbricati e la costruzione di nuovi quartieri ed edifici; in questo periodo ci fu la nascita di numerosi Café-concert e di un dinamico ambiente culturale e sociale nella ex capitale. La regione fu coinvolta nella Grande Guerra, con Napoli che nel 1918 venne bombardata dall’aviazione tedesca nonostante fosse lontana dal fronte di battaglia e lamentando molte vittime civili. Sempre la città partenopea fu protagonista dell’adunata fascista del 1922, a cui seguì la Marcia su Roma che portò al potere Mussolini. Nel 1925 venne inaugurata nella città partenopea la prima metropolitana in Italia, con la tratta Napoli-Pozzuoli.

Dalla seconda guerra mondiale al XXI secolo

Durante la seconda guerra mondiale la Campania fu teatro di alcune famose operazioni militari, come lo sbarco a Salerno e le Quattro giornate di Napoli. Nel periodo che seguì lo sbarco la città di Salerno ospitò i primi governi dell’Italia post-fascista e la famiglia reale divenendo di fatto capitale d’Italia fino alla liberazione di Roma (metà agosto 1944). Nel dopoguerra la Campania fece parte di quel gruppo di regioni del Sud Italia fonte di emigrazione soprattutto verso il Nord Italia, pur conservando una struttura economica più solida rispetto al resto del Mezzogiorno. Nel 1980 la regione fu sconvolta da un terremoto che colpì alle ore 19:34 di domenica 23 novembre: una forte scossa di magnitudo 6,9 sulla scala Richter, della durata di circa 90 secondi con un ipocentro di circa 30 km di profondità, devastò un’area che si estendeva dall’Irpinia al Vulture. Tra i comuni più duramente colpiti vi furono quelli di Sant’Angelo dei Lombardi, Lioni, Torella dei Lombardi, Conza della Campania, Teora, Laviano, Calabritto, Senerchia e altri paesi limitrofi. Non mancarono però effetti del sisma anche in tutta l’area centro meridionale della penisola, compreso Napoli. Nel 1994, infine, iniziò la crisi dei rifiuti in Campania e l’intera regione versa in uno stato di emergenza relativo allo smaltimento ordinario dei rifiuti solidi urbani. Lo stato di emergenza è poi cessato ufficialmente dopo oltre 15 anni, sulla base di un decreto legge approvato dal governo italiano il 17 dicembre 2009 che ha decretato il termine dello stato di emergenza e del commissariamento straordinario.

(da wikipedia)